domenica 9 febbraio 2014

Fruttino ultralight al kiwi


Una delizia per il palato, veramente a cuor leggero.
Frutta in purezza presentata come un piccolo dolce.
Da poco ho scoperto che il kiwi è un frutto invernale. Non so se avete mai visto la pianta. Nei dintorni di Roma, ma anche nei giardini, ce ne sono moltissime. La pianta somiglia alla vite e quindi pensavo che maturasse a fine estate. Poi recentemente ho conosciuto un produttore che mi ha raccontato delle sue molte  proprietà benefiche e mi ha anche detto che proprio i mesi invernali sono quelli in cui matura.
Fantastico! Si amplia la varietà di frutta fresca invernale.
Recentemente ho anche scoperto l'agar agar: un addensante, ricavato da alghe giapponesi.
E' un prodotto assolutamente naturale, inodore ed insapore molto facile da usare.
Ho pensato perchè non unire le due cose? E dare alla frutta l'aspetto di un piccolo dolcetto? Ecco qui un piccolo sfizio gustosissino, vitaminico, fatto però solamente di frutta, senza zuccheri o grassi.

                  Per due fruttini ho utlizzato:
                                                300 gr di kiwi sbucciato
                                                1 gr di agar agar
                                                               

I kiwi debbono essere perfettamente maturi, soprattutto per una questione di gusto e di dolcezza del fruttino.
Li sbucciate e li mettete nel frullatore.


Poi in un pentolino mettete mezza tazzina da caffè di acqua e fate cuocere     l'agar agar per cinque minuti.
L'agar agar deve cuocere per essere efficace. Ho fatto vari esperimenti e cinque minuti sono un tempo sufficiente. Potreste anche farlo cuocere nella frutta, ma io ho preferito mantenere il gusto fresco del frutto senza alterarlo con la cottura.
Mescolate alla frutta e versate negli stampini.
In frigo fino al momento di mangiare, ma sono pronti già dopo dieci minuti.
Ho provato anche il melone d'inverno e la proporzione è sempre quella di 300 gr di frutta per 1 gr di agar agar.

Lo trovo un modo molto furbo per far mangiare la frutta ai bambini. Li inganniamo con l'aspetto da dolce.
Ho presentato i fruttini a fine di una cena e sono stati un successone, apprezzati più del dolce.

                     In onore della Nuova Zelanda, da dove i kiwi provengono, e della abbastanza vicina Australia vi propongo questa bella canzone di una cantante australiana.
Natalie Imbruglia - "Torn"


2 commenti:

  1. Ciao cara, hai usato l'agar-agar?! Che bello!!!!! grazie per questa ricetta! Vorrei chiederti 3 cosette....
    vorrei fare delle coppette con il tuo fruttino di kiwi, e sopra versarci la panna cotta, pensi che si possa fare? Basta lasciare il frullato di kiwi in frigo perché si addensi bene, e possa sostenere la panna cotta, vero?
    Quanto tempo dovrei lasciare i kiwi in frigo prima di versarci la panna?
    Si può seguire la tua ricetta con tutti i tipi di frutta? Fragole, mirtilli etc? Grazieee ciao Caterina

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, ho preparato i tuoi fruttini -qui tutti adoriamo i kiwi- e vorrei ringraziarti, ci sono piaciuti tanto!!!! Li ripeterò all'infinito! Ho letto il commento e mi ha stuzzicato molto l'idea di farlo anche con la panna cotta, spero che il blog sia ancora attivo e che tu possa rispondere, aspetto anch'io le tue risposte! Ciao Lore grazie

    RispondiElimina