domenica 26 gennaio 2014

Pollo all'ananas. Light


Oggi una rivisitazione light di un piatto partito dalla Cina e diventato ormai un classico della cucina internazionale.
Mi piace tantissimo l'accostamento di gusto dolce/salato e poi quel riso profumato... buonissimo!

Per una persona
  • Pollo gr 150
  • Ananas pulito gr 150
  • Riso a grana lunga gr 70
  • Salsa di soia 
  • Cipollotto fresco o cipolla
Per la preparazione del pollo cominciamo con il pulire la cipolla. Ho consigliato il cipollotto fresco perchè è molto più gustoso e dona ai piatti un garbo maggiore ma , se è fuori stagione o non lo trovate, la cipolla va benissimo.                                                                                                                                                                
In una padella antiaderente versate mezzo bicchierino di salsa di soia, portatela ad ebollizione e mettete giù il cipollotto tagliato sottile e per lunghezza. Consiglio di usare la salsa di soia con minore percentuale di sale. E' di pari sapore ma  la salute ne guadagna!
                                                                                                                                                                                                                                                                           Quando la cipolla sarà appassita aggiungete il pollo tagliato a bocconcini, fatelo prendere di cottura da tutti i lati, coprite con il coperchio e lasciate cuocere per i primi 10 mn.

Nel frattempo prepariamo il riso. Lo laviamo per eliminare l'eccesso di amido e quando l'acqua - salata - bolle lo cuociamo 12/13 mn. Scoliamo e lo mettiamo a parte.


Pulite l'ananas e tagliatene la quantità necessaria in piccoli spicchi.
Passati  dieci minuti di cottura del pollo uniamo anche l'ananas e continuiamo la cottura per altri dieci mn.

Quando il pollo avrà cotto per 20/25 mn totali controllate, fate asciugare l'eventuale eccesso di umidità ed impiattate.
Nello stesso piatto presentiamo il pollo ed il riso che, se mangiati insieme, si completano perfettamente.
David Bowie.