venerdì 29 novembre 2013

Finocchi gratinati... light


Oggi ci mettiamo all'opera con una ricetta molto facile ma di grande soddisfazione.


 In questa stagione i finocchi sono freschissimi e molto buoni.
Ne approfittiamo per preparare questo piatto.
Per una persona occorrono due finocchi e del formaggio.
Nella mia dieta posso scegliere tra 40 gr di parmigiano o 60 gr di altro formaggio meno stagionato. Ho usato 20 gr di parmigiano grattugiato e 30 gr di caciotta senese.


Prendete i finocchi, lavateli e tagliateli in spicchi non troppo grandi - 3 cm circa.
Disponeteli su una pirofila  rivestita  di carta forno. Condite con sale e pepe.


Utilizziamo i finocchi crudi.
Il finocchio lesso, una volta gratinato, è molto meno gustoso e soprattutto molliccio. Se li mettiamo in forno crudi invece rimangono più aromatici e più consistenti, sono anche meno laboriosi!



Ricoprite i finocchi con pezzettini di formaggio e con il parmigiano grattugiato.
Infornate a 200° per mezz'ora.

E' un piatto completo che può essere portato anche al lavoro.
Se poi in ufficio avete anche il fornetto per scaldarli saranno perfetti!

Una bellissima canzone direttamente dagli anni '80:
Rod Stewart - Baby Jane

lunedì 25 novembre 2013

Ragù light di carne e broccolo

Buon inizio di settimana.

Questa volta mi sono cimentata con un classicissimo della cucina italiana: il ragù.
Però poi ho divagato ed ho aggiunto anche il broccolo. Il risultato mi ha sorpreso perchè i due gusti della carne e della verdura si sono legati benissimo e ne è uscito un sugo delicato e cremoso.
Provate e poi mi direte.

Vi dò gli ingredienti per una persona - se poi siete di più meglio, basta moltiplicare.
  • Carne macinata di vitella o vitellone molto magra 100 gr
  •  Broccolo lessato 200 gr
  • Passata di pomodoro 300 gr
  • Cipolla

Lessate il broccolo. Una volta cotto prendetene per la salsa 200/250 gr e mettete via  il resto che utilizzerete per un buon contorno. Tenete a parte un bicchiere di acqua di cottura.
Frullate il broccolo aiutandovi con la sua acqua, poca. Dovrete ottenere una crema densa e cremosa.
Riunite in una ciotola la carne macinata ed il broccolo frullato, salate  ed amalgamate bene il tutto.

In un pentola antiaderente mettete la cipolla, la passata di pomodoro, il sale e fate cuocere per dieci minuti a fuoco medio con coperchio. Aggiungete il composto di carne e broccolo, lasciate ancora alta la fiamma per qualche istante,  poi abbassate  e cuocete un'oretta a fuoco molto lento con il coperchio.
Controllate di quando in quando la cottura e, se occorre, aggiungete un cucchiaio di acqua calda.
A fine cottura dovremo ottenere un sugo non troppo liquido, anzi corposo.
Non ho utilizzato olio per il ragù di carne e broccoli. 
La carne, anche se magra, ha comunque sempre una parte  grassa che già da sola dona al nostro sugo una notevole morbidezza. Se preferite potete comunque utilizzare la vostra porzione di olio ed unirlo, all'inizio della cottura, alla passata di pomodoro.
Con il ragù ho condito degli strozzapreti ma qualsiasi tipo di pasta - tagliatelle, spaghetti, maccheroni -andrà benissimo.
Una canzone  per questo piatto?
 "Pensieri e parole". Lucio Battisti.












domenica 24 novembre 2013

<a href="http://www.bloglovin.com/blog/11311457/?claim=epks9c2p89j">Follow my blog with Bloglovin</a>

mercoledì 20 novembre 2013

Mezze maniche light con caprino e funghi


Mi fa piacere iniziare un nuovo capitolo di ricette dedicato a dei piatti, ovviamente ottimi espressi, ma perfetti anche da portare fuori casa.
 Anche al bar, ristorante o  simili, sapendo scegliere, si possono trovare diverse proposte adatte  ad un regime di dieta ipocalorica o ad una sana alimentazione. Ma se ci è possibile prepararlo a casa il nostro pranzo sarà sicuramente migliore! 

Questa pasta light è di semplice esecuzione, si può mangiare fredda e portare in ufficio ed è un "piatto unico".
  • Mezze maniche
  • Funghi champignon 500 gr
  • Formaggio caprino fresco e morbido
  • Prezzemolo, cipolla, aglio e pepe
Pulite e tagliate i funghi in pezzi grandi. In una padella antiaderente cuoceteli con uno spicchio di aglio e cipolla affettata sottile. Salate, coprite con il coperchio e cuocete fino ad asciugare l'acqua di cottura formata dagli stessi funghi.
Nel frattempo cuocete la pasta - nella quantità prevista dalla vostra dieta - e scolatela.
Se mangiate le mezze maniche a casa cuocetele i minuti necessari, ma se le state preparando per portarle al lavoro scolatele un po'  prima, così che rimangano molto "al dente", e  bagnatele con dell'acqua fredda. In questo modo la pasta non scuoce ed anche ore dopo non diventa collosa.
Condite le mezze maniche con i funghi ed il caprino. Se graditi aggiungete del pepe e prezzemolo.
Il caprino morbido è tra i formaggi meno grassi ed è molto versatile in cucina. Nel nostro caso forma una cremina che rende inutile l'aggiunta dell'olio che, se volete, potete comunque aggiungere nella quantità consentita. Il gusto della pietanza ne guadagnerà certamente!
Lui è sempre lui: Vasco Rossi "Cambia-menti"





lunedì 18 novembre 2013

Involtini light di cavolo e carne

E' vero: la fotografia non è la mia arte. Speriamo vada meglio in cucina!

Per questa ricetta ho preso ispirazione dai Sermale, degli involtini di carne rumeni, che si cucinano al sugo avvolti nella foglia del cavolo e dai Dolmades greci che, avvolti nella foglia di vite, vengono cotti in una salsa di limone.
Come senz'altro saprete entrambi prevedono un ripieno di carne e riso; nel nostro caso il ripieno è semplicemente di carne. Queste due ricette sono state solamente uno spunto per la creazione di questo piatto.
  • Un cavolo
  • Carne macinata di vitella secondo la quantità prevista dalla vostra dieta
  • Pochissimo uovo sbattuto
  • Cipolla
  • Limone
  • Sale e pepe
Sfogliate il cavolo con attenzione in modo da lasciare le foglie intere.
Lavate le foglie  e lessatele intere in acqua salata per 8/10 minuti, non devono essere troppo molli.
Scolate e, quando si saranno freddate, prendete le foglie più grandi e togliete la costola centrale in modo da ottenere due fazzoletti di foglia di cavolo.
Condite il macinato con sale e pepe ed aggiungete due cucchiaini di uovo sbattuto. L'uovo non è  indispensabile, mi è stato utile a comporre gli involtini rendendone più semplice la preparazione e la cottura.
Mettete al centro delle mezze foglie di cavolo un cilindretto di carne ed avvolgete bene. Ci vuole un pò di pratica...comunque, anche se non perfetti, gli involtini rimangono compatti.
In una padella antiaderente mettete della cipolla affettata molto sottile e spremete mezzo limone facendo attenzione ad eliminare i semi.
Quando il limone bolle metteteci a cuocere gli involtini, salate e coprite con il coperchio.
Gli involtini sono piccoli quindi la cottura sarà veloce.
Cuocete 5 minuti da un lato,  spremete l'altra metà del limone e girate dall'altro lato cuocendo senza coperchio finchè la salsina si sarà ristretta.
Sono pronti. Se gradito potete aggiungere una leggera spruzzata di pepe.
Stò ascoltando i meravigliosi "Notturni" di Chopin suonati da Maria Joao Pires, non posso non condividerli con tutti voi.

venerdì 15 novembre 2013

Zucchine frizzantine

Oggi mi sento briosa, sarà per questo che ho creato un contorno abbastanza insolito  ottenuto aggiungendo del ginger fresco a delle semplici zucchine in padella.



  • Zucchine
  • Un pezzetto di ginger fresco
  • Un mazzetto di cipollotti freschi







Pulite le zucchine ed i cipollotti.
Tagliate le zucchine in pezzi abbastanza grandi. Lasciate i cipollotti  lunghi, senza togliere le cime verdi, e tagliateli molto sottili. Sbucciate e grattuggiate il ginger.
Mettete il tutto in una capace padella antiaderente. Aggiungete il sale e coprite il tegame.
Le zucchine sono molto acquose pertanto lasciatele cuocere finchè non saranno prossime alla cottura.
A questo punto finite la cottura con la padella scoperta per asciugare.
Potete aggiungere o meno la vostra quantità di olio, sono comunque gustose.

Pronte!
Spero che siano di vostro gusto. L'accoppiamento di zucchine e ginger è abbastanza insolito. Ne è venuta una pietanza fresca e delicata che ho accompagnato a della carne grigliata.
Per la musica: GIOIA. Modà

mercoledì 13 novembre 2013

Minestra di broccolo romanesco



Qui a Roma è arrivato l'inverno... Ma noi non ci spaventiamo e lo accogliamo con questa ottima minestra che preparo molto spesso.
  • Broccolo romanesco
  • Ditalini
  • Aglio, cipolla, peperoncino
  • Prezzemolo
Se preparate la minestra solo per voi scegliete un broccolo molto piccolo ma, se ne avete uno grande, potete conservarne una parte come contorno per altri piatti.
Prendiamo il piccolo broccolo pulito e ben lavato e lessiamolo, in acqua salata, nella pentolina nella quale prepareremo la nostra minestra.
Quando il broccolo sarà pronto non lo scolate, controllate che l'acqua di cottura non sia troppa e nel caso toglietene un pò; non buttatela, potrebbe servire durante la cottura della pasta. 
Se avete un broccolo grande mettete via la porzione in eccesso e travasate la quantità giusta nella pentola per la minestra con un pò di acqua di cottura.
Sempre nella pentola schiacciate il broccolo, soprattutto le parti bianche, con una forchetta lasciando intera solamente qualche cimetta verde.
Controllate il sale ed aggiungete la cipolla, tagliata sottilissima, l'aglio e pochissimo peperoncino.
Fate bollire per cinque minuti per insaporire e poi buttate i ditalini nella quantità prevista dalla vostra dieta.
Ho scelto i ditalini integrali ma ogni altro tipo di pasta da minestra sarà ugualmente perfetto. 
Controllate che non sia asciughi troppo e nel caso aggiungete l'acqua di cottura, se non ne avete dell'acqua calda va benissimo.
A fine cottura aggiungete il prezzemolo e una generosa spruzzata di pepe. Potete aggiungere anche dell'olio. La mia dieta ne prevede due cucchiaini da caffè ed in questo caso non li risparmio mai per altre pietanze perchè l'olio esalta il sapore di questa minestra.
Come contorno musicale vi propongo la bellissima 
"Otherside" dei Red Hot Chili Peppers.


lunedì 11 novembre 2013

Cartoccio di petto di pollo al curry


Per cominciare bene questa settimana  vorrei condividere con tutti voi questa ricetta molto light, sana, gustosa e facile... Cosa si può desiderare di più?
Cucino spesso questo arrostino. Un petto di pollo intero è piuttosto grande; al momento di mangiare ne taglio una porzione e conservo il resto, ben avvolto nel suo cartoccio,  anche 
per quattro o cinque giorni in frigo.
  • Petto di pollo intero
  • Curry
  • Carta forno
  • Spago da cucina
Prendete il petto di pollo, pulitelo, togliete il grasso e gli ossicini.
Aprite quanto più possibile il petto. Infarinate abbondantemente con la polvere di curry tutta la superficie  del petto,  interna ed esterna, facendo ben attenzione a cospargere di curry anche le parti che ripiegano su se stesse.
Arrotolate bene il petto. Con la carta forno avvolgetelo strettamente e ripiegate i bordi della carta come a formare un pacchetto che legherete con lo spago da cucina.
All'interno di questo "pacchetto" il pollo cuoce conservando inalterati proprietà nutritive ed odori.
Infornate in forno caldo a 200°.
Un petto di circa 300/400 grammi cuoce in mezz'ora.
Delizioso l'aroma del curry durante la cottura!
Una volta sfornato ed aperto il pacchetto potete servire il pollo caldo utilizzando i liquidi di cottura come salsina.
Se conservato in frigo può essere accompagnato da una piccola quantità di buon aceto balsamico di  Modena.
Avrete notato che questa ricetta non prevede sale;
il curry infatti dona molto sapore alla carne che rimane gustosa anche senza sale. Un piatto ideale quindi sia per gli amici light sia per tutti coloro che devono limitare od eliminare completamente il sale dalla dieta quotidiana.
Questa ricetta mi suggerisce un'atmosfera londinese. Come accompagnamento musicale:
Beatles. "Here comes the sun"







lunedì 4 novembre 2013

Salmone con crema light di broccoletto

Carissimi,
voglio iniziare questa settimana con un piatto molto leggero e semplice.
Spero che lo apprezzerete e che vi dia il gusto di iniziare una fantastica settimana!

L'elemento caratterizzante
del piatto è la salsa perché il pesce è semplicemente grigliato.
  • Una bella fetta di salmone fresco
  • 100 gr di broccoletti siciliani lessi
  • Un cucchiaino d'olio
Prendete dei broccoletti, puliteli e lessateli bene.
Ne facciamo, ovviamente, più di 100 gr e li possiamo usare per il contorno di questa o di altre pietanze.
Scolateli ma tenete da parte un pò di acqua di cottura.
Prendete i broccoletti lessi e frullateli aggiungendo l'acqua di cottura necessaria a rendere il composto cremoso.
Ponete il composto in un padellino, aggiungete il cucchiaino d'olio e regolate di sale e pepe, fate cuocere per cinque minuti.
Scaldate una piastra e mettete a grigliare il salmone.
 Nella grigliatura il salmone perde parte del suo grasso ed è proprio per questo che preferisco questo tipo di cottura, anche quella al vapore potrebbe infatti prestarsi bene a questo piatto.
Impiattate, salate e pepate, il pepe non deve mancare mai con il salmone - a me poi piace con tutto!
Potete comporre il piatto con la salsa light di broccoletti a parte o direttamente sul salmone, a vostro gusto!