giovedì 31 ottobre 2013

Risotto con la zucca



Nella notte di Halloween non può mancare un piatto con la zucca!

Ed allora vi propongo uno dei miei piatti preferiti.
Per una persona occorrono 300/400 grammi di zucca. Se la trovate usate quella mantovana che è veramente buonissima, più corposa e saporita delle altre.
 Questo inciso è solamente un suggerimento perchè vanno bene tutte, io di solito prendo quella del supermercato.
Sono un'amante della zucca e la preparo in molti modi che in futuro vorrei condividere con voi lettori. Prestissimo sperimenterò, in versione light, un piatto strepitoso di pesce e zucca che ho mangiato nel mio recente viaggio a Venezia e vi farò sapere.
Prendiamo quindi la nostra zucca, la puliamo e la tagliamo in pezzi.
Nella pentola in cui cuoceremo  il risotto prepariamo la zucca coperta per 3/4 di acqua, saliamo e mettiamo a cuocere. Contemporaneamente mettiamo a bollire un bicchiere d'acqua in un pentolino a parte.
Se avete il minipimer ad immersione è tutto più facile perchè, dopo 10 minuti di cottura, frulliamo il tutto. 
Se non lo avete potete cuocere per altri 10 minuti e poi schiacciare la zucca con la forchetta.
Aggiungiamo alla zucca della cipolla, sottilissima, poco peperoncino, ancora un pò di sale e versiamo la nostra porzione di riso.
Se il composto è troppo liquido facciamo asciugare un poco prima di versare il riso. E' sempre meglio infatti che, quando versiamo il riso, il composto non sia acquoso ma anzi un pò asciutto, il riso si insaporirà di più.
Lasciamo cuocere il riso per 15 / 20 minuti, a seconda della varietà utilizzata, aggiungendo via via dell'acqua calda.
Fate molta attenzione a girare spesso il riso ed a non bruciarlo. La zucca è terribile e si attacca molto facilmente!
Prima di portare in tavola aggiungiamo pepe - secondo me indispensabile con la zucca - e prezzemolo.
Questo piatto può anche essere cucinato per tutta la famiglia. Sarà sufficiente aumentare le dosi e mantecarlo a fine cottura con burro e parmigiano. Noi lo mangiamo in versione light e ci piace di più!
Propongo "La luce dell'est" una meravigliosa canzone di Lucio Battisti, perfetta per questa giornata di autunno e di mistero.

lunedì 28 ottobre 2013

Pollo al sedano

Una ricetta dal gusto molto delicato e semplice da preparare.

Per una persona.
Prendete mezzo sedano pulitelo e tagliatelo a dadini molto piccoli.
Mettetelo in un tegame basso antiaderente con poca cipolla affettata sottilissima e sale.
Coprite con un buon coperchio che non faccia uscire il vapore.
Durante la cottura il sedano non rilascia molta acqua, è quindi importante che il tegame rimanga ben chiuso e conservi tutti i liquidi di cottura.
Fate stufare il sedano a fuoco basso per circa 40 minuti controllando la cottura ed aggiungendo qualche cucchiaio di acqua calda se necessario.
Passati i 40 minuti alzate il fuoco ed aggiungete la vostra porzione di pollo tagliata in bocconcini di medie dimensioni.
Spingete i pezzi di pollo sul fondo del tegame per dargli una prima cottura esterna facendo attenzione a non bruciare il sedano.
Quando i pezzi del pollo avranno preso la prima cottura regolate di sale, abbassate la fiamma, rimettete il coperchio e continuate a cuocere.
Quando la carne  sarà pronta fate asciugare il liquido di cottura, spolverate di pepe e prezzemolo ed impiattate.
Un ricordo di Lou Reed: Perfect day.


mercoledì 23 ottobre 2013

Mezze maniche con i funghi.

Facilissima e buona.
Ho preso due confezioni di funghi.
Una di champignon ed una di pioppini.
Li ho ben lavati ed ho affettato gli champignon.
I pioppini sono un po noiosi da pulire ma molto saporiti.
Ho messo a bollire l'acqua salata.
In una padella antiaderente ho preparato aglio, cipolla, sale e poco peperoncino.
C'è chi sostiene che la cipolla non si sposi con i funghi, non sono d'accordo.
Ho aggiunto i funghi, chiuso con  il coperchio e messo sul fuoco.
Si possono far cuocere  dai 20 ai 30 minuti.
I funghi rilasciano molta acqua e quindi la cottura è molto semplice.
Ho buttato la pasta secondo la quantità prevista dalla dieta ... sig!
Qui la pasta è integrale, ma vanno bene tutte.
Ho pulito e sminuzzato un ciuffo di prezzemolo.
Quando mancano  cinque minuti a fine cottura della pasta controllare che i funghi non siamo ancora troppo acquosi.
In questo caso li scoperchiamo e li lasciamo asciugare girandoli spesso.
Sono venute due porzioni di funghi. Una l'ho congelata.
Ho versato la pasta nella padella con i funghi rimasti  e condito con  pepe e prezzemolo.
Leggera e veloce come "Crocodile Rock" di Elton John.

lunedì 21 ottobre 2013

Orata all'acqua pazza

Questa ricetta è la mia risposta a chi sostiene che, stando a dieta, non si possa mangiare con gusto!


Mettete in una padella antiaderente - se avete quella da pesce meglio - mezzo bicchiere d'acqua, della cipolla tagliata sottilissima, aglio, sale e peperoncino.
Mentre l'acqua arriva al bollore prendete il pesce.
A me piace l'orata ma vanno bene tutti, non grandi...siamo a dieta!
Finite di pulire il pesce e mettetelo nella padella.
Fate cuocere l'orata, senza mai girarla, per 20 25 minuti in relazione alla dimensione.
Prendete dei pomodori - es. 10 ciliegini - tagliateli a metà o in pezzi abbastanza grandi e, dopo dieci minuti di cottura, metteteli nella padella con una ricca spruzzata di finocchietto selvatico. Se il finocchietto non vi piace, e non so come fate, potete mettere dell'origano e basilico.
Controllate che la cottura non sia troppo asciutta e se serve aggiungete poca acqua calda.
A fine cottura aggiungete generosamente pepe e prezzemolo.
Pronto e buonissimo!
Samba Pa Ti. Santana





venerdì 18 ottobre 2013

Zucchine ripiene di tonno

A dieta, in genere, si stà da soli.
Quindi ricetta per uno.
LE HO APPENA MANGIATE: BUONISSIME!!
  • Tre zucchine
  • Pomodorini o passata di pomodoro
  • Tonno al naturale, scatolina da 80 gr
  • Cipolla e aglio
  • Capperi al sale, origano, sale e pepe
  • Poco uovo sbattuto
In una padella antiaderente mettete l'aglio, un pò di cipolla tagliata sottilissima, i pomodorini divisi in due ed il sale.
Io metto i pomodori freschi perchè, senza olio, il sugo mi piace di più così. Potete però usare tranquillamente la passata.
Coprite ed iniziate a cuocere.
Nel frattempo pulite le zucchine e svuotatele.
Fare la farcia con il tonno ben sgocciolato, capperi tagliati in pezzettini, origano e pepe.
Mettete poco uovo sbattuto: due o tre cucchiaini da caffè.
Il sale non lo aggiungerei perchè ci sono i capperi.
Riempite le zucchine.
Mettete le zucchine nel sughetto che nel frattempo si sarà formato e continuate la cottura sempre con coperchio.
Il liquido di cottura si allungherà per via delle zucchine, meglio così ci aiuta nella cottura.
Continuate a cuocere, sorvegliando di tanto in tanto, fino a quando il sughetto raggiungerà la giusta consistenza.
Pronte!
Consiglio: Negramaro. " Mentre tutto scorre"
Pensavate il vino? Eh no! La canzone, bellissima.

mercoledì 16 ottobre 2013

Cipolline in agrodolce

Per una persona prendete un sacchettino di cipolline borrettane.
Dopo averle lavate e pulite le mettiamo in una padellina antiaderente con sale, mezzo bicchiere d'acqua e mezzo bicchiere di aceto bianco.  
Cipolline in agrodolce
Niente olio o burro.
Le lasciamo cuocere, a fuoco medio, per una mezz'ora abbondante con il coperchio.
Controlliamo ogni tanto che non si attacchino e, se ci fosse bisogno, allunghiamo con un pò di aceto.
A fine cottura aggiungiamo mezzo cucchiaino di zucchero e facciamo stringere il liquido fino ad ottenere una cremina.
Molto facili, molto buone!
Le accompagnamo ad una canzone disinvolta come Treasure di Bruno Mars.

                                                                         

sabato 12 ottobre 2013

Polpette con i peperoni.

Tagliamo dei peperoni - di due colori sono più belli - a listarelle sottili.
Si mettono a cuocere con uno spicchio di aglio e sale in una padella antiaderente a fuoco basso e con il coperchio.
Se ne possono fare anche tanti così rimangono come contorno per la prossima volta. Aggiungendo, anche già cotti, dell'olio si possono proporre a chi non è light.
I peperoni li faccio sempre cuocere molto tempo a fuoco basso; in questo modo si crea una cremina molto buona e, nel nostro caso, ideale per il condimento delle polpette.
Polpette con i peperoni
Mentre i peperoni cuociono prepariamo le polpette.
Di carne macinata ne mettete quella che vi consente la vostra dieta, sale e mezzo cucchiaio di uovo sbattuto. Impastate e preparate delle polpette non molto grandi.
Con il restante uovo ci potete fare le polpette per tutta la famiglia.
A metà cottura dei peperoni aggiungete le polpette e lasciate cuocere sempre con il coperchio.
Verso fine cottura, se vi piacciono, aggiungete un tocco esotico: 5 uvette e 5 pinoli....piccolo sgarro alla dieta!
Pronte le polpette.
Breathe. Pink Floyd. Non dico meglio di un bel bicchiere di vino, però...


mercoledì 9 ottobre 2013

Millefoglie di sogliola ed indivia

Avevo dell'indivia bollita ed allora ho pensato di fare questo "millefoglie" con dei filetti di sogliola.
Al negozio ho trovato dei filetti di platessa - che sono  freschi, già pronti e molto più pratici - ed ho preso quelli.
Io di pesce ne posso mangiare 150 gr crudo...sig! Ne sono venuti due filetti.
Niente olio. In una pirofilina da forno ho messo la carta forno strofinata con l'aglio, così tanto per dare un aroma, e poi  il primo strato di platessa su cui ho spalmato poca pasta di acciughe. Poi ho messo un po' di indivia ed una, una sola!, oliva a pezzettini.
Poi ho messo il secondo strato, uguale al primo, e con i ritagli dei due filetti  mi è venuto anche un piccolo terzo strato.
Per gratinare ho usato un micropizzico di parmigiano ed ho infornato.
Certo se vi va di pulire le alici...  con le alici dovrebbe essere molto buono, forse appena un po' più calorico. Anche così comunque è niente male!
 E' un piatto leggero, come accompagnamento musicale: "Lucky Star" - Madonna.